A Catania cambiate le sanzioni per l’occupazione trasgressiva di suolo pubblico

dehors, spazi all’aperto, sedie, tavolini
- Pubblicità -

Il sindaco di Catania Enzo Bianco ha emesso un’ordinanza sulle sanzioni riguardanti l’occupazione di suolo pubblico a scopo commerciale che revoca e sostituisce la precedente del 9 marzo del 2016. L’atto amministrativo è stato rimodulato tenendo conto dei suggerimenti dei commercianti pur tutelando gli interessi dei residenti e opponendosi fermamente agli abusivi.

Con la nuova ordinanza per tutti i trasgressori rimane l’obbligo all’immediato ripristino dello stato dei luoghi a proprie spese e con la rimozione di eventuali attrezzature – banchi di esposizione e di appoggio, tavoli, sedie, panche, etcetera – ma cambiano altre norme.

- Pubblicità -

La nuova ordinanza lascia infatti immutate le rigide regole per chi è privo di autorizzazioni, ma stabilisce sanzioni graduali per chi occupa una superficie di suolo pubblico superiore a quella concessa: soltanto al secondo abuso il commerciante sarà punito con la chiusura per almeno cinque giorni, evitando quindi alla prima infrazione la sanzione più rigida della chiusura dell’esercizio.

Tra principali le innovazioni dell’ordinanza, infine, c’è quella riguardante l’utilizzo delle vie: se infatti l’occupazione causa intasamenti e problemi di sicurezza e ordine pubblico, anche alla prima violazione l’attività dell’esercizio sarà sospesa per venti giorni.

- Pubblicità -