Zafferana Etnea, questa sera la maratona lirica all’Anfiteatro Falcone-Borsellino

ZAFFERANA ETNEA – La storia culturale e poetica della Sicilia da sempre si è connotata per la creatività e genialità dei suoi figli più illustri, che le hanno conferito un alone di “terra degli dei”, che l’hanno scelta come felice dimora dove “uomini eletti” alleviavano le fatiche dell’uomo. Rendere accessibile i grandi capolavori della musica classica ad un pubblico ampio e non di soli esperti, valorizzare i teatri storici cosiddetti “minori” della nostra Regione e i grandi monumenti di culto come beni architettonici di rilievo culturale delle Comunità locali e come centri di sviluppo e di promozione anche turistica del territorio. Sono questi i principali obiettivi e, contemporaneamente, i punti di forza dell’innovativo progetto promosso dal Coro Lirico Siciliano.

Il GRAN GALA LIRICO, che riporta dopo anni di assenza il repertorio operistico a Zafferana Etnea, sarà una vera e propria MARATONA LIRICA, un omaggio in musica ai compositori che hanno sempre decantato l’amore e la bellezza.

Martedì, 11 Agosto, alle ore 21,30, nell’incantevole scenario dell’Anfiteatro Falcone Borsellino di Zafferana Etnea, le voci del Coro Lirico Siciliano, accompagnate dal valido Ruben Micieli, faranno rivivere le passioni, le grandi emozioni, le suggestioni e i sentimenti delle più commoventi e struggenti pagine dei compositori italiani e non. Suites da “La Traviata”, “I Puritani”, “La Boheme”,”Rigoletto”, “Tosca”, “Madama Butterfly”, “Carmen”, etc potranno essere apprezzate dal numeroso uditorio che è solito aderire al forte richiamo evocativo della musica classica.

La serata prevederà anche un omaggio alla Canzone Italiana: le immortali melodie che hanno suggellato la tradizione artistica e culturale del “Bel Paese”. Un viaggio in musica tra le più celebri pagine del ricco e amato repertorio nel Novecento italiano musicale: da Tosti a De Curtis, da Leoncavallo a Bixio.

Il ricco e accattivante programma proporrà anche alcune tra le più frizzanti pagine del repertorio operettistico: estratti da Il paese dei campanelli, Cin ci là, La principessa della Czarda, Il paese del sorriso, etc.

Una serata ricca di musica ma anche di emozioni grazie alle eterne e sublimi melodie con cui gli immortali operisti hanno incarnato l’amore e la forza del sentimento.

Il Festival Lirico dei Teatri di Pietra, riconosciuto come iniziativa di alto rilievo culturale e artistico, si svolge sotto l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo e delle più importanti cariche istituzionali italiane, il Patrocinio del Pontificium Consilium de Cultura, della Regione Siciliana, Assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo e Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, della Rai Sicilia, del Comitato Pietro Mascagni, della Fondazione Verona per l’Arena e della Confederazione Italiana Archeologi.