Grano estero in Sicilia, Marano (M5S) scrive al ministro dell’Agricoltura Bellanova

agricoltura

PALERMO – La deputata dell’Assemblea regionale siciliana Jose Marano (M5S) ha scritto al ministro dell’Agricoltura Teresa Bellanova per chiedere l’istituzione di un tavolo tecnico sulla provenienza e sui  prezzi grano estero.

“Sempre più spesso assistiamo all’arrivo di grandi navi cargo contenenti grano estero o di dubbia provenienza – dice Marano -. Arrivi che ho sempre denunciato pubblicamente chiedendo maggiori controlli al governo regionale. Adesso la situazione è divenuta insostenibile poiché il loro perpetuarsi comporta un duplice danno ai siciliani. In primis alla salute poiché arriva grano spesso trattato con sostanze chimiche illegali nel nostro Paese come il glifosato. Non possiamo accettare l’arrivo di questi prodotti senza un adeguato controllo della filiera e della loro salubrità”

“Inoltre – prosegue Marano – l’ingresso di grano estero ha un effetto dirompente e dannoso per il grano siciliano abbassandone il prezzo. Così i nostri produttori si trovano a dover competere, con costi di coltivazione maggiore e regole ferree sulla qualità, con un grano coltivato con glifosato, di qualità minore ma più “appetibile” per il prezzo inferiore. Questo sistema sta determinando una forte crisi di un settore molto importante per l’economia agricola siciliana che non riesce a fruire nemmeno, con la complicità di una burocrazia farraginosa, delle risorse del Psr”.

“Sono troppi i nodi del settore e per questa ragione ho chiesto al ministro, da sempre sensibile alle istanze della nostra isola e profondo conoscitore del tema, la realizzazione di un tavolo tecnico con le confederazioni dei produttori e gli esponenti politici ed istituzionali per trovare adeguate risposte”.