Crocetta attacca il PD, Vinciullo passa all’opposizione

crocetta
Rosario Crocetta

Un Crocetta scatenato a Napoli dove ha partecipato all’iniziativa dei vescovi sui giovani ed il Sud. Parte con una considerazione su Gentiloni che – afferma – sta lavorando e poi dice la sua sulle elezioni. “Non sono fra coloro che pensano che le elezioni vanno rinviate ne’ credo ci sia bisogno di allineare la legge elettorale del Senato al Consultellum perche’ si tratta, alla fine, di leggi che hanno entrambe caratteristiche proporzionali. – e continua – Se il prezzo che dobbiamo pagare in questi mesi e’ quello di uno scontro continuo, tanto vale eleggere con il proporzionale un Parlamento che possa poi fare delle riforme costituzionali serie”.

Quindi attacca il PD che – secondo lui – non agisce da partito di sinistra perchè non presta attenzione alle povertà, soprattutto alle nuove. Ed attacca anche Renzi per aver dato 80 euro a chi aveva già uno stipendio piuttosto che darli ai disoccupati ed ai poveri.

Ma deve, a sua volta, incassare la mossa di Vincenzo Vinciullo, presidente della commissione bilancio dell’ARS, che annuncia il suo passaggio all’opposizione perchè Crocetta non fa gli interessi della sua provincia, come dimostra l’appoggio al passaggio della sede dell’Autorità portuale a Catania, piuttosto che ad Augusta. Domani Vinciullo dirà in una conferenza stampa le sue motivazioni ed illustrerà il Poc che sblocca 1 miliardo e 900 milioni di euro destinati ai comuni per infrastrutture e politiche attive.