Minnie Minoprio e Cosetta Gigli regine di “Jazz…tando”

Minnie Minoprio e Cosetta Gigli in Jazz…tando 2017 (ph. Glauco Buccheri)
Minnie Minoprio e Cosetta Gigli (ph. Glauco Buccheri)

A chiusura della stagione di “Teatro in Allegria”, al Don Bosco, è andata in scena “Jazz…tando”, protagoniste la “coppia di Regine” Minnie Minoprio e Cosetta Gigli in una raffinata accoppiata musicale, eseguendo un grande repertorio.

Regalando al pubblico note di grandi autori D. Fields, H. Carmichall, C. Mezzano, Marks, Rodgers e della Minoprio, soubrette di origine inglese che gli italiani hanno più amato e desiderato negli anni ’70 con le sue divertenti interpretazioni che è diventata un’apprezzatissima interprete jazz.

Debutta quindicenne con Tommy Steel al teatro Colosseo di Londra in Cinderella di Rogers Hammerstein. Nel ’59 incontra Walter Chiari e viene scelta come subrettina nella rivista italiana “Io e la margherita”, seguono altri lavori con Garinei e Giovannini nel ruolo di Bonita in “Ciao Rudy” con Marcello Mastroianni. Inizia nel 1966 un sodalizio con jazzisti romani molto attivi. Durante l’esibizione al teatro Don Bosco ripercorre alcuni momenti significativi della storia del jazz, interpretando On the bunny side of the street, Georgia on my mind, blue jade blues, Men dont cry, All of me, The Lady is a tramp, Mr. Jazzman.

L’artista ha attraversato mezzo secolo ballando e cantando è stata molto applaudita dal pubblico che ricorda sempre le sue apparizioni di ragazza bella e “svampita” nella rivista televisiva con Fred Bongusto.

Musica da ricordare, riunendo la Minoprio esecuzione delle note con ritmo saltellante, dondolante e improvvisazione, dando agli accenti la pronunzia giusta ed enfatizzando lo swing divertendo e incuriosendo il pubblico insieme al suo trio: Fabrizio Pezzino alla batteria, Francesco Rabboni al contrabbasso, Giuseppe Preiti al pianoforte.

Non da meno, Cosetta Gigli, reduce dal grande successo di “Vedova Allegra”, andata in scena alcuni giorni orsono e che ancora una volta l’ha decretata “la regina dell’operetta” per il fascino magnetico e la voce potente melodiosa, lasciando a Catania una memoria artistica di una serata fresca e leggera, puntando anche sugli aspetti più comici. Nello spettacolo jazz ha offerto alla numerosa platea indimenticabili brani: L’amore è la vita di Guido Maria Ferilli, Amapola, Butterfly lullaby, Summertime, So in love, I’ te vurria vasa’. Fluttuando ha creato una ritmica “swingante”, accordando in maniera equilibrata tonalità maggiori e minori.

Gruppo Jazz...tando 2017

Un allestimento dell’Associazione Teatro d’Arte di Donata Indaco, pregevole e vincente, per aver scelto una innovativa serata musicale, melodica scivolando sulle note, foto di Glauco Buccheri.

Un mix tra lirica e jazz tanto atteso dal pubblico, portato in scena dalla Gigli e la Minoprio con incantevoli scenografie e abiti eccellenti, accompagnato dalla comicità dell’insuperabile Giovanni Puglisi, con la brillante Alba La Rosa, l’esclusiva supercomica Francesca Barresi, l’aplomb di Gianni Sciuto e l’istrionico Toti Finocchiaro, attori sempre amati dal pubblico per le divertenti gags, che come sempre riescono a personalizzare, e che hanno riscaldato l’atmosfera riformattando per una serata la realtà di crisi attuale, mentre le due “regine” sulle note di famosissime canzoni hanno duettato mandando in delirio il pubblico.